Come organizzare e arredare un centro benessere SPA

Quando si decide di aprire un centro benessere SPA bisogna tener contro di molti aspetti, soprattutto organizzativi e tecnico/normativi. Gli esperti di DEA Beauty e design hanno elaborato 8 consigli su come organizzare il proprio centro benessere.

Tipo di percorsi da inserire in un centro benessere

I percorsi benessere che i clienti apprezzano maggiormente sono principalmente due:
• Docce solari: questo percorso è adatto sia per uomini che per donne e sono stati studiati per stimolare anima e corpo attraverso l’acqua. Esistono diverse tipi di docce come ad esempio: aroma terapia, cromo terapia, pioggia caraibica, doccia scozzese la quale è in grado di riattivare la circolazione sanguinea.
• Knipe: è un percorso dedicato esclusivamente a gambe e piedi, che può essere creato attraverso mini piscine percorribili, dotate di getti d’acqua laterali.

un centro benessere

Sistema di aerazione

Il sistema di aerazione è una delle parti fondamentali di un centro benessere. Esso ha la funzione di rendere l’ambiente confortevole a livello termo igrometrico per gli utenti della SPA ed è un utile presidio per combattere l’umidità. Dea beauty e design consiglia sempre di dotarsi di un sistema di aerazione integrato, cioè che sia in grado attraverso sensori e microprocessori di gestire contemporaneamente aria, umidità e climatizzazione.

un centro benessere

Stimare quante persone usufruiranno del centro benessere

Stimare quante persone frequenteranno un centro benessere dovrebbe essere una delle prime cose da stabilire, ma anche molto difficile se non si possiede una sfera di cristallo. La soluzione è affidarsi a dei professionisti, che possano stimare il bacino d’utenza del proprio centro con delle analisi specifiche.

Rispettare i requisiti normativi

Le regole e gli aspetti normativi sono temi complessi e delicati per questo settore. Infatti per la sola parte edile bisogna tener in considerazione numerose norme, come ad esempio: l’agibilità del locale, l’abbattimento delle barriere architettoniche, la consistenza dei servizi igienici e etc. Il consiglio è quello di affidarsi ad un professionista abilitato, che è in grado di far fronte a tutti gli obblighi e la documentazione da produrre.

Presidio antimicotico all’ingresso

La guerra ai funghi sarà una delle attività che darà maggiori problemi nel caso si voglia gestire un centro benessere. Essenziale sarà creare delle aree dove poter disinfettare i piedi. Questo presidio dovrà essere posizionato tra gli spogliatoi e l’area benessere vera e propria, in modo che nel passaggio da area ad area sia obbligato l’uso di questo utile presidio.

Spogliatoi separati

Inutile soffermarsi su questo punto, gli spogliatoi separati con altrettanti bagni separati sono essenziali sia per motivi d’igiene che di privacy. Unico consiglio, non progettare mai spogliatoi di piccole dimensioni. Questi potrebbero risultare difficili da pulire e scomodi da usare da parte della clientela.

Superfici resistenti

L’altra problematica che ogni gestore di un centro benessere si troverà ad affrontare sarà l’umidità. Questo male che affligge gli ambienti umidi come può essere quello di un centro benessere, rischia di compromettere sia la percezione di qualità del proprio centro e soprattutto l’igiene.

Zona relax

Una delle tendenze che maggiormente si stanno diffondendo nel mondo dei centri benessere è quella di consumare bevande e cibi sani, preferibilmente BIO. Attrezzare quest’area non richiede un investimento elevato ma non deve essere sottovalutato l’aspetto igienico.

Come organizzare e arredare un centro benessere SPA ultima modifica: 2018-11-15T09:27:01+00:00 da DEA Beauty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *